Giorgio Marincola, l’eroe meticcio di Casal Bertone

Giorgio_Marincola«Sento la patria come una cultura e un sentimento di libertà, non come un colore qualsiasi sulla carta geografica… La patria non è identificabile con dittature simili a quella fascista. Patria significa libertà e giustizia per i Popoli del Mondo. Per questo combatto gli oppressori…»
(Giorgio Marincola, dai microfoni di Radio Baita, gennaio 1945)

Letto il testo virgolettato?
Sappiate che non si tratta della dichiarazione di un partigiano intervistato a guerra finita che spiega la sua idea di patria. Si tratta, invece, della trascrizione di quello che questo coraggioso ventiduenne di padre italiano e madre somala disse, dai microfoni di quella radio nazifascista, invece di leggere il messaggio che i nazisti che lo tenevano prigioniero volevano diffondere, per attirare in una trappola i suoi compagni partigiani del biellese. La trasmissione fu interrotta e per Giorgio furono botte da orbi, che non ne ridussero il furore antifascista.

Si parlava, ieri, passeggiando dentro a un bel corteo per la festa italiana del 25 aprile, di quelli che sono caduti all’ultimo minuto, quando ormai la guerra era alla fine. Marincola, liberato nel contesto della rotta nazista, a liberazione ormai realizzata, rifiutò di mettersi in salvo e prese le armi per partecipare alla liberazione del Trentino, ancora in mani naziste, finendo ucciso a Cavalese, scontrandosi con un reparto SS in ritirata che avrebbe compiuto l’ultima insensata strage nel territorio italiano.

Giorgio abitava a Via Cugia, a Casalbertone. Fu allievo di Pilo Albertelli, ucciso alle Fosse Ardeatine, e partecipò alla lotta di liberazione, da iscritto al Partito d’Azione, tra Roma, il viterbese, il biellese e, appunto, il Trentino, dando prova di coraggio e ricevendo la medaglia d’oro al valore militare alla memoria.

Qui se ne racconta la storia.
http://www.anpi.it/donne-e-uomini/386/giorgio-marincola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.