Ahò, che fichi

(post di dieci anni fa, 4 luglio 2008)

Allora, annassimo alla sala corse quella der casino all’Avignonesi, mpò più in là der Messaggero.

C’era st’amico ch’aveva risparambiato dù scudi e je dicevamo: giochete sto cavallo bono, che er cognato der fattorino dell’atacche quello chii capelli che pare na sorca intinta all’ojo, caa sgrima e co tutta a forfora sur giacchetto, che bazzicava er genero der monnezzaro, aveva inteso che sto cavallo dice che era bono, sicuro.

Ahò, che te credi che ciannavamo tutti i giorni a giocà a li cavalli?
Ma che cazzo stai a dì, ma si nun c’avevamo na lira pe piagne, che ‘a pora mamma passava e giornate sane a riccoje la cicoria ar pratone!
Solo che ar pratone ce stava pure la banda de spugnetta, che sì te beccaveno da solo erano cazzi. Minimo minimo te corevano appresso e te toccava fa a botte, si ciavevi  li sordi, poi, peggio che annà de notte.

Eppoi che sordi ce potevamo avé? Già era tanto che magnavamo pasta e patate… Comunque si nun te facevi cioccà te potevi annà a riccoje la frutta ner giardino dee monache. Mortacci loro a robba che ciavevano! E bricocole! E cerase, ma quelle toste, no e visciole, li graffioni! Ammazza quant’ereno boni! E persiche? Squisite!

Na vorta ciavevo na fame che ncevedevo e me so magnato le cocce dee fave. Ppputo che SCHIFO! Ar sor Amilcare, invece, je piaceveno, see magnava co tutte e cocce. Pure i cachì che allappavano se magnava. A me me facevano venì na sete che pareva che m’ero magnato le sarache.

Ansomma, annassimo all’Avignonesi. Semo arivati aa stazzione termini cor C1, se semo comprati le fusaje da Giggetto prima de partì a piazza dii mirti, poi quer cojone de Arvaro ha voluto pià er tranvetto e allora se semo separati.

Comunque er cartoccetto de fusaje io moo sò magnato tutto, ancora n’eravamo arivati aa maranella e già l’avevo finite tutte. Er ciccione invece se magnava li bruscolini, ammazzelo che schifo! Aveva smonnezzato tutto er tranve, er fattorino je fa: a maschio, l’animella tua, ma che a casa tua fai ste porcherie? E che sarebbe? Hai zozzato tutto, ammappete, io ‘o farebbe aripulì a tù madre.

Allora l’avemo preso per culo daa stazzione fino ae lazziali, poi quanno che è arivato Arvaro cor tranvetto j’avemo fatto la stira, a sto frocione, così s’empara a fa le cose pe li cazzi sua senza fa a mezzi coll’amichi, sto cicero. Dopo semo iti a fasse na passeggiata a via nazzionale, avemo cioccato un po’ de stragnere ce n’ereno de tutti i colori bionne more rosce ricce lisce buzzicone scrocchiazzeppi zinnone o che c’era passato San Giuseppe caa pialla.

Adavede che robba! A n’americana j’ho detto: dammenbacio, lelletta. Quella me s’è messa a ride, allora Arvaro che è ‘nvidioso me s’è messo de mezzo, sto scrauso, che me piava per culo che ero diventato rosso. M’è annato er sangue all’occhi, mannaggia er tumefatto, j’ho dato un destro. Ahò, secco, li mortacci mia. E’ cascato come na pera. Ciaveva er sangue e la bava e pure l’occhi abbottati. Io me so messo paura, poi quando ho visto che aveva rifatto j’ho detto: a stronzo, si ciariprovi t’apro er culo.

Poi è ita a fenì che er cavallo n’è arivato, ‘a dritta era ‘na sola…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...