25 aprile

E’ calata la sera e di pipponi per oggi ne abbiamo sentiti abbastanza. Del 25 aprile si affievolisce pian piano il senso, passa il tempo e le ragioni dell’antifascismo sembrano farsi sempre più deboli. La vicenda di Gabriele Del Grande, che per fortuna si è conclusa felicemente, ci ricorda, però, che ci sono luoghi vicini e “amici” dove la democrazia si dà al gatto, fregandosene di tutta la libertà che qui diamo per scontata e che la lotta di liberazione ha riconquistato, 73 anni fa, a costo di sacrifici enormi.

Spero che questa dimenticanza non ci esponga a duri risvegli.  Le ingiustizie sociali e le tensioni di tutti i giorni ci dicono che nel nostro Paese c’è un pericolo per la democrazia che è dato dalla disattenzione verso i più deboli e dall’incapacità dello Stato di garantire alcuni diritti sanciti dalla Costituzione. Occupazione, salute, sicurezza, pace, istruzione: niente di scontato, il 25 aprile 2017. Su questo si misura la qualità della nostra democrazia. Le risposte stanno alla politica, quella vecchia e quella nuova, che nei luoghi istituzionali pari sono.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...