Ricominciamo?

maxresdefault

Prima cosa: IO NUN HO STRILLATO.
Ma che Te stai a inventà?
Ma che sei diventata delicatina tutto insieme?
IO NUN HO STRILLATO!
Primo. E poi mica stavo a dì a Te. Nun ce l’avevo co’ Te!
Come allora co chi ce l’avevo?
Ce l’avevo con me stesso e col mondo.
Porco mondo, sì, embè, perché nun se po’ strillà?
Nun se po’ smadonnà?
Mo’ bestemmio! Guarda un po’!
Apro la finestra e me metto a bestemmià! A squarciagola!
Ahò, e me pieranno pe’ matto, e che te devo da fà.
Ma poi anche se fosse che ce sarebbe de male?
Che nun ce la posso avé pure Io qualche RIMOSTRANZA da fatte? Eh?
Te ne sei ita ar mare coll’amiche a giugno, stamo a agosto, adesso te fai rivedé? Eh?
Ce lo sai che Io da solo me sento male, nun ce posso stà, me metto a famme i firme, le pippe mentali. No?
E poi Io senza fà niente nun ce so stà, divento matto, qualcosa me devo inventà. E quando me viè la fantasia, ce lo sai, Io nun so resiste, te lo devo dì.
E te lo volevo dì, e te lo volevo dì, ma Te ndo cazzo stavi?
A Sharme? A Ibizza? In culo alla luna? Che cazzo ne so.
Er telefono ce l’avevi spento. Su facebook m’hai bannato l’antra volta quando avevo cioccato che sortivi troppo spesso cor meccanico de Tore Maura, come dovevo da fare?
Poi, ce lo so andò stavi. Dentro la panza me lo sentivo. Er core me lo diceva.
Pure Alvaro, quello der piano de sotto, dice che t’aveva visto na matina zitta zitta ch’eri venuta a casa a prennete na borzata de panni.
Che poi che cazzo, me lo potevi dì, no? Te facevo trovà er caffè fatto, te davo na mano a caricà la robba nella maghina. E che se fa così, zitta zitta de nascosto come na rubagalline?
Che poi, checcazzo, pure la maghina te sei presa, quel giorno. Sò rimasto cor motorino, è pure arivato, me ce rompo er culo sui sampietrini tutti i giorni.
Ah, ma ancora cammina, però.
Te seguo te sto appresso nun me perdo manco un particolare.
L’hai trovato quello che lascia perde’, andò vai, ha da nasce quella che me fa mollà la presa a Me. Deché.
Nun se troveno come Me, ce lo sai bene! Nun ce dormo la notte, ci ho un cerchio alla testa, la stanchezza me core appresso cor Katana, ma nun m’arenno.
Perché ci ho ragione. Er cazzo, nun è dei fessi, la ragione. No.
Ma poi, scusa eh, ma che dovrei da fare?
Sapere che stai cor barista de Tore Spaccata, come tre anni fa, pedditte, e stamme pure zitto, fare pippa, fà buon viso a cattivo gioco? NO!
Io sfonno tutto, Io j’entro dentro ar bare co la maghina e me lo metto all’anima.
Sto zozzo ‘nfamone! Guai a chi te tocca! Se la devono vedè co’ me.
Anche se Te sei na stronza, buciarda e incoreggibbile.
Ci hai na capoccia de travertino che solo Io ce lo so quello che te serve a Te.
Nnamo, viè a casa. Torna.
Se famo du’ frittini de baccalà che ce rimetteno ar monno, poi se voi vado a dormì dellà.
Ariproviamoci.
Io te amo.
Ricominciamo.

Annunci

Un Commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...