Indignarsi per il calcioscommesse è da ingenui

calcio-scommesse_620x410

Indignatissimi, tutti, per il nuovo calcioscommesse, che scuote il calcio minore, tra Lega Pro e Serie D. Associazioni per delinquere che alterano i risultati delle partite! Calciatori compiacenti! Dirigenti che scommettono! Traffichini internazionali che corrompono!

Tutto vero. O meglio, tutto ancora da dimostrare, ché i presunti innocenti colpevoli ancora non sono. Ma agli indignati, il cui sdegno su due piedi condivido, vorrei chiedere: avete notato quali sono i più munifici sponsor del calcio negli ultimi dieci-quindici anni? Vari marchi che contengono la parola Bet. Saranno mica proprietà del vecchio difensore del Milan e della Roma, al secolo Aldo Bet? Con quel cognome giocasse oggi finirebbe dentro qualunque inchiesta, e poi gli avvocati a dire ma si chiama così, non è colpa sua.

Avete visto che pubblicità si fanno durante le telecronache? Col disclaimer: attenzione, le scommesse possono diventare un bel problema, una malattia che mette paura e manda per aria vite e famiglie. Le scommesse hanno fatto chiudere bottega al Totocalcio, che era un rituale che coinvolgeva milioni di persone. Prima nel calcio erano illegali, ma i soldi facevano gola e c’era da fare la lotta al malaffare del picchetto.

Così, eccoci qua. In un Paese dove giorno dopo giorno emerge qualunque truffa pataccara sui giornali, dove i ciechi pensionati fanno jogging, i falsi invalidi pullulano, le finte aziende nascono come funghi per prendersi benefici contributivi truffaldini e casse integrazioni tarocche, la sofisticazione alimentare tracima, la corruzione sottostante agli appalti imperversa, le leggi sulla sicurezza e la tutela ambientale vengono usate a mò di carta igienica, nonostante la carta della Gazzetta Ufficiale sia duretta, ci si scandalizza perchè uno sfigato calciatore dilettante, o al più basso livello del professionismo, magari aspettando le sue tre-quattro mensilità arretrate, avendo l’affitto e la rata della Panda da pagare, alza qualche soldo dal corruttore uzbeko o giavanese per vendersi la partita.

E’ buffo: solo alcuni di noi sono tenuti, evidentemente, all’integrità. Intendiamoci, non che facciano bene, ma raramente si sente dire che l’azienda tale ha gonfiato il fatturato versando una percentuale a chi ha fatto il bando di gara. Anzi, talvolta ci si preoccupa delle ripercussioni che può avere su un’azienda l’inchiesta giudiziaria. Le società di calcio minori hanno una serie di vincoli e agiscono in un mercato difficile. Per fare la Lega Pro sono costrette a mettere in campo risorse che non si trovano facilmente: milioni, non tanti, magari, ma almeno due o tre ce ne vogliono, per fare una squadra che stia nella categoria.

I tifosi chiedono, i calciatori chiedono, i procuratori chiedono, le società non fanno fronte a tutte le richieste. Smettono di pagare e tra chi viene penalizzato c’è chi non ha problemi ad arrangiarsi. Magari lo farebbe comunque. Magari lo fa la stessa società per rientrare di stipendi e premi, per finanziare il nero. E’ una vergogna, sicuro. Ma c’è qualche altro settore in questo paese che può dirsi al di sopra di questo? Se c’è, scagli pure la prima pietra.

Il discorso, naturalmente, non vale per quel pezzetto di calcio dove girano i milioni: la serie A e nemmeno tutta. Ma se ci vogliamo raccontare la verità, invece di sviolinarci con le finte favole di Carpi e Frosinone, che hanno a disposizione budget milionari, parliamo della faccia infangata e cattiva del calcio minore dove girano ancora un po’ di soldi. I dilettanti, poi, lo dice la parola, quello sono. E se giocano gratis sono ancora più esposti. Ci ha pensato, chi ha deciso di accettare scommesse sulla Serie D?

Annunci

  1. dmitri

    Ognuno è indignato per qualcosa, tutti hanno la superiorità morale per farlo. Poi esci di casa e ti chiedi come è possibile lo sfacelo di questo Paese: immondizia e incuria ovunque, autisti romani che al suono dell’obliteratrice inchiodano impauriti, menefreghismo, abusi e tanto, tanto altro.
    Scusa la ventata di ottimismo.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...