Benito Mussolini

mussolini1

A settant’anni dalla morte se ne parla, e molto, sul web. Rischiando di cadere nella celebrazione del luogo comune, pro o contro che sia. Sulla sua figura è stato detto e scritto di tutto. Da molti abbiamo sentito parlarne direttamente, quasi sempre bene: quando c’era lui, i treni che arrivavano in orario, ha fatto anche tante cose fatte bene, ha sbagliato alla fine e tutto il resto. Mussolini non era diverso dai politici di adesso, anzi.

Era un precursore, non esattamente nel senso buono del termine. Deciso, avventuriero, votato al protagonismo, cinico, autoassolutorio. Cinque prerogative che descrivono diversi leader politici italiani degli ultimi trent’anni. Non ha fatto tante cose bene, inutile insistere: ha governato il Paese da dittatore per vent’anni e in quei vent’anni ha adottato provvedimenti positivi o negativi per il Paese, che ha proiettato verso la spirale di morte e distruzione con cui si è conclusa l’ultima avventura, ma anche verso la vergogna e la negazione di secoli di civiltà rappresentata dalle leggi razziali.

La questione, oggi, non è augurargli o meno di riposare in pace, la questione è toglierselo definitivamente dalla mente, relegarlo nel suo loculo con tutta la torma di nostalgici che ancora razzola in questo Paese, che ha un disperato bisogno di una destra seria, moderna e capace, che si contenda il potere con una sinistra seria, moderna e capace.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...