Rapito dagli alieni al lago di Chiusi

Sgnagurz si batte

Sgnagurz si batte

Sgnagurz indietreggiò fino a casa, sfinito. Aveva una zampa lussata e gli faceva male una chela, per la lotta terribile ingaggiata con la mostruosa Cosa aliena. Ma era orgoglioso di essersi battuto fino a costringere l’orrendo rapitore a lasciarlo andare. Quando Sgritcherk lo vide, però, non gli riservò un’accoglienza calorosa.
– Sciabordito! Nullafacente! E’ questa l’ora di tornare a casa? I tuoi figlioli sono lì che aspettano di pranzare. Hai preso qualche verme, almeno? Una larva? Qualcosa?
– Zitta, moglie mia, lasciami stare, mi è successa una cosa terribile.
– Che hai fatto? E perché zoppichi?
– Sono stato rapito da una mostruosa creatura aliena. Stavo rincorrendo un vermiciattolo dall’aria appetitosa quando mi sono sentito agganciare da una cosa di ferro, guarda qua, ancora ho il segno. Mi hanno tirato fuori dall’acqua, erano creature mostruose, alcune a forma di piovra con cinque tentacoli che tenevano strani attrezzi, altre con dei colori bizzarri, strisciate di bianco, felpate, parecchio puzzolenti. Un’esperienza atroce. Ma mi sono ribellato, sai? Gli ho mostrato le chele, e ho detto in guardia, zozzi! Vi faccio vedere cosa sa fare un gambero del lago di Klusium! Ho lottato fino a liberarmi! Le forze nemiche erano soverchianti, ma io Zac! Ho colpito!
– Sgnagurz…
– Lasciami raccontare, gambera! Lui mi toccava con un tronco gigantesco, io mi sono divincolato! Ho indietreggiato fino all’orlo del lago! Il sole era abb…
– Sgnagurz, sei andato di nuovo a caccia sotto il pontile, vé?
– Sgrit, certo che ero lì, i vermi buoni stanno tutti lì. Ma…
– Erano umani pescatori, Sgnag. Il massimo che ti poteva succere era di finire in padella, come il tu’ babbo. E’ che sei capone come lui. Si esce di notte oppure si sta in acque fonde. Non te l’hanno insegnato da piccolo?
– Sei tu che non mi apprezzi. Invidiosa! Ho abbattuto mostri che non puoi neanche immaginare, e tu che fai? Invece di gettarmi le chele al collo! Ma indietreggerò fino all’osteria per raccontarlo a tutti. Sarò l’eroe del lago di Klusium! Il gambero che ha sconfitto gli alieni puzzolenti e quelli con i tentacoli rosa! Vado! Non aspettarmi per cena!

Annunci

Un Commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...