Quelli che buttano le cose

(Prendo spunto dal solito magnifico Zerocalcare e con la scusa lo linko pure)

Non conservo le cose, eppure dovrei. Ma ne uso a milioni, non consumandole. Per esempio, non consumo le scarpe, magari le sporco, ma ho sempre delle resistenze a buttarle. Perché la roba non si dovrebbe sprecare, anche se ne compriamo più di quanta ce ne serve. Costa poco, forse. Mi viene in mente una scritta su un muro che diceva “costa tutto troppo”. Era pre-low cost. E poi si compra una cosa perché è bella. Se si divorano carte e oggetti per l’urgenza di conoscere, poi, il mucchio diventa inestricabile. Bisogna fare spazio alle cose nuove, ma si rischia di dimenticare quelle vecchie. E quando si riprende in mano un libro pieno di polvere si accende un ricordo che esplode come uno starnuto. Così si riempiono solai e cantine in attesa di un Michael Zadoorian che possa svuotarle e recuperare un senso per ogni oggetto, perché racconti storie nuove e viva di una nuova vita.
Ho avuto molto da oggetti rinvenuti per caso, trovati in un negozio dell’usato o regalati da qualcuno. Ricordo un paio di Adidas rotte amatissime, e collezioni e collezioni fatte da altri e tenute “come una reliquia” di cui ho goduto e che ho disperso in mille rivoletti. Non ho mani che tengono, piuttosto maglie larghe che lasciano passare. E poi c’è la sopraggiunta pigrizia che vieta lo slancio catalogatore, sopraffatto dall’eccesso di stimoli da seguire. Quando non c’era il web, invece, riempivo quaderni e fogli elettronici di informazioni catalogate che oggi ricordo benissimo. La memoria a breve, invece, è meno potente. Non so se è pigrizia, o il semplice sottrarsi a sforzi inutili per mettere insieme conoscenze che non servono a niente. Oppure se è colpa di Google…

Annunci

Un Commento

  1. vorreispiegarviohdio

    Io sono peggio di te. Soprattutto con l’abbigliamento: ne compro poco, ma non butto via niente, neanche quando sono bucati, macchiati, consunti ecc. Echeggia la frase di mia madre: non si butta via niente, possono venire buoni, magari da portare per casa. E i cassetti straripano. E io sto in casa vestito come un accattone…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...