Semaforo rosso

semaforo

Er biondo aveva gli zoccoli ai piedi, bianchi traforati, con la suola di legno. I jeans sbracalati, una magliettaccia bianca e i capelli a caschetto schiariti con una colata d’acqua ossigenata, zozzi, folti e fitti che gli cascavano davanti agli occhi.
“Nun me va de fà un cazzo” si lamentava. “Ma come cazzo ve va de fà su e giù davanti a ‘sto semaforo, co ‘sta callaccia, se suda, nun se sopporta, io me devo mette’ a sede’”. E accendeva un’altra Marlboro.
Veramente non s’era alzato da lì quasi per niente, poi si lamentava se il principale lo cazziava, la sera, se non aveva venduto le rose come noi. Il principale era quello col nome da moschettiere, ci portava al semaforo col forgone grigio, un Fiat 850 furgonato senza finestrini né sedili, che seduti dentro poggiati sul fondo si cascava a ogni buca, e il moschettiere guidava che manco in formula uno. Meglio, decisamente, quando si presentava con l’Alfa 2000 (er dumila).
“Che poi ma chi cazzo se le compra, ‘ste rose demmerda, che fanno schifo. Zingaro! Zingaretto, ahò, a pischè, viè qua!”. Er biondo chiamava ogni tanto il bambino rom che lavava i vetri alle macchine. Era simpatico, ci si giocava, così, per divertirsi e far passare prima la giornata.
“La voi ‘na piotta? Sì? Ficca la testa dentro ar secchio dell’acqua gelata, tiè”.
Il bambino non se lo faceva ripetere due volte e infilava tutta la testa dentro il secchio. Ne usciva ridendo, con l’acqua fredda che gli colava giù da tutte le parti. Scrollava la testa come un cagnolino. “Tiè, sei gajardo, me piaci. Ecchete li sordi. Fà na cosa, vendime un po’ de rose, t’ammollo na piotta per ogni mazzetto che dai via. Daje, datte da fà”.
Il bambino rideva, ma non gli dava retta e continuava a pulire, o forse sporcare, i vetri agli automobilisti capitati in fila. Un semaforo sull’Appia, la mattina, nel sole di luglio di Roma. 35 anni fa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...