Cercare la musica (Ci hanno preso tutto)

Una volta non c’era tutta questa internet. La musica dovevi andartela a cercare dove stava e, se volevi uscire dal seminato, dovevi prima procurarti le mappe giuste. Le prime te le fornivano gli amici. Poi, se andava bene, la radio. Per fortuna a Roma c’era Punto Radio, che per tre anni è stata il mio faro, fin quando non è sparita di punto in bianco. Parliamo dei primissimi anni ’80, diciamo 1982. Poi le riviste: Mucchio Selvaggio e stop. Ma seguivo tutto e acquistavo almeno un disco a settimana, tanto che oggi mi lambicco il cervello per tenere gli LP, circa 800, in un posto dove siano accessibili, e non mi riesce. Per fortuna c’è l’mp3, salvezza delle case piccole. Mi ricordo di aver fatto la caccia al tesoro seguendo le charts di Charlie Gillett: ogni fonte era benedetta, per chiarire nomi, luoghi, tendenze. Informazioni ben impresse nella memoria, per quanto inutili. Oggi sarebbe facile fare lo stesso percorso, ma tutto è a portata di mano. Il che cambia di molto la prospettiva. L’acquisto compulsivo s’è spostato sui libri, lasciando il posto allo scaricamento periodico un po’ maniacale. L’ascolto spesso si canalizza su youtube. Ed è un po’ come dire: “ci hanno preso tutto”. Per cogliere la citazione, guardare i tag. Il bello è che ci hanno tolto qualcosa dandocene in quantità illimitate. Perché il troppo stroppia e l’overflow affoga.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...